Si può usare burro scaduto?

Si puo usare il burro scaduto?

Il burro è un prodotto alimentare molto usato in cucina, anche se negli ultimi tempi si tende a preferire altri “condimenti” meno grassi. E se ce ne dimentichiamo, cosa accade al burro scaduto? Se mangiarlo dopo scadenza non è preferibile, come possiamo usarlo? Ecco quello che dovremmo sapere prima di pensare di buttarlo.

Leggi anche: Si può usare pangrattato scaduto?

Burro: un prodotto alimentare e non solo

Il burro è un prodotto alimentare ricavato dalla lavorazione della crema del latte vaccino o dal suo siero. Tipi di burro particolari sono invece prodotti da latte di capra o pecora.

Si tratta di un prodotto molto ricco e nutriente e tra le sue componenti ci sono anche diverse vitamine. Anche se non va dimenticato che il burro contiene anche colesterolo e per questo rientra tra i prodotti alimentari da utilizzare con molta moderazione soprattutto da parte di chi soffre di diabete.

Detto questo, il burro è un prodotto che va conservato in frigorifero per evitare che irrancidisca.

Se ben conservato in un recipiente o nella propria carta, chiuso così da impedire il passaggio di microbi e altre sporcizie, il burro si conserva per un periodo piuttosto lungo.

Tuttavia,  può capitare che lo si lasci scadere. Cosa possiamo fare quindi con il burro scaduto?

Se ancora non lo sapete (o non ci avete pensato), il burro non è solo un ottimo prodotto alimentare, ma le sue proprietà lo rendono anche un ottimo alleato per la cura della casa e del corpo, anche quando è scaduto.

Burro scaduto: composizione e proprietà

Il burro è un prodotto alimentare dall’alto contenuto di colesterolo (215-270 mg) e grassi (circa l’81% di 100 gr) tra cui spiccano i grassi saturi (51 mg).

La sua composizione lo inquadra come un alimento calorico con circa 700 Kcal.

Il burro contiene anche numerosi acidi grassi. Tra questi l’acido butirrico che è essenziale per la salute del nostro intestino.

Inoltre, come accennato sopra, il burro contiene anche diverse vitamine liposolubili, tra cui la vitamina A, la vitamina E, la vitamina K e piccole quantità di vitamina D.

Tra i minerali ci sono calcio, fosforo, zinco e selenio.

Tra caratteristiche alimentari positive e non si può ben affermare che il burro sia un alimento importante, ma da utilizzare con moderazione.

Quando il burro conservato in frigorifero passa di molto la data di scadenza, può accadere che il suo gusto, il suo sapore siano alterati.

Se dunque il consumo alimentare non è consigliato, il burro scaduto può essere impiegato per usi differenti.

Burro scaduto: cura della casa

Le sue proprietà rendono il burro (anche) scaduto un ottimo alleato per la pulizia e la cura della casa.

Non ci credete? L’avete mai provato, ad esempio, come smacchiatore? o per eliminare odore e residui di sostanze appiccicose?

Scopriamo come.

ANTI-MACCHIA

Macchie di ogni genere, dall’inchiostro alle bevande e persino al catrame. Per testare la sua efficacia è sufficiente strofinarlo sulle macchie o usarlo come pre-trattante prima del lavaggio in lavatrice.

SMACCHIATORE PER SUPERFICI IN LEGNO

Quando superfici in legno risultano macchiate, spesso ci chiediamo come fare a togliere le macchie senza rovinare il legno stesso.

Niente paura, il burro è un rimedio naturale assolutamente efficace in questo senso. Basta sfregare (senza eccessi) l’area della superficie ove c’è la macchia e lasciar agire per un paio d’ore.

Trascorso questo tempo sarà sufficiente passare un panno morbido leggermente inumidito per vedere scomparire del tutto la macchia, senza residui e senza pericolo per la superficie.

LUBRIFICATORE PER PORTE

Le porte di casa fanno strani cigolii?

Il burro scaduto è un ottimo lubrificante che, sfregato lungo le cerniere di porte e portoni, ne previene cigolii.

ELIMINARE RESIDUI APPICCICOSI

La colla è uno degli strumenti immancabili di una casa quando ci sono bambini o in qualunque momento si voglia fare del semplice bricolage.

Il guaio è che una volta terminato il lavoro, i residui di colla sono ancora sulle nostre mani e spesso risultano difficili da eliminare.

In questo caso, strofinate del burro scaduto sulle mani per alcuni minuti, poi risciacquate sotto l’acqua tiepida utilizzando la saponetta. Vedrete che, oltre ad aver eliminato i residui di colla, le vostre mani saranno anche morbide e profumate.

Burro scaduto: cura del corpo

Il burro è impiegato moltissimo in prodotti cosmetici per il benessere e la cura del corpo.

Le sue proprietà esfolianti e ammorbidenti lo rendono infatti perfetto come strumento casalingo per molte finalità: dall’eliminazione degli odori, al trattamento di viso e corpo, come lenitivo.

TOGLIERE CATTIVO ODORE DALLE MANI (e ammorbidirle)

Quando si cucinano cibi dall’odore intenso (come il pesce), capita che si faccia fatica ad eliminarne l’odore dalle mani.

Il limone però non è l’unico alimento che può essere utilizzato per togliere il cattivo odore. Se non l’avete in casa, ma nel vostro frigorifero è rimasto del burro scaduto, utilizzatelo.

Sfregando il burro sulle mani per qualche minuto e poi risciacquando con acqua tiepida e sapone, resterete sorpresi non solo di come il cattivo odore se ne sia andato, ma anche di quanto morbide risulteranno le vostre mani!

ESFOLIARE E IDRATARE LA PELLE

Il burro scaduto può essere impiegato per preparare una semplice lozione per il viso.

Per farlo, è necessario far sciogliere a bagnomaria un pezzetto di burro con un pochino di acqua calda.

La lozione a base di burro e acqua sarà pronta in pochissimi minuti. Passatela sul viso aiutandovi con dei dischetti di cotone.

Il burro agirà come esfoliante, eliminando le cellule morte del viso e residui di trucco e idratando la pelle in modo naturale.

PROTEZIONE DELLE MANI DAL FREDDO

In inverno le vostre mani sono irritate e arrossate? Niente paura, riproponete la lozione a base di burro e acqua, ma aggiungete del succo di limone.

Il limone renderà la vostra lozione più densa e cremosa, perfetta appunto come crema per le mani che soffrono il freddo.

DARE SOLLIEVO AL DOLORE

Dolori da contusioni ed ematomi possono essere alleviati utilizzando semplicemente una noce di burro. Usatela per massaggiare la zona interessata, eviterete la formazione di lividi da cadute.

 

VOTA:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*