Come far maturare le pesche

Come far maturare le pesche

Avete acquistato il vostro frutto preferito, ma è ancora acerbo? Le pesche mature sono molto buone e succose, ma possono essere dure e aspre se non hanno raggiunto il giusto livello di maturazione.

Niente paura, per far maturare le pesche serve solo qualche piccolo trucchetto casalingo e in poco tempo potrete gustare pesche buone e succose come appena raccolta.

Come far maturare la frutta: classificazione

La frutta non è tutta uguale.

Esistono, infatti, frutti climaterici nei quali l’etilene, ossia ormone vegetale delle piante, fa sciogliere la pectina scindendo l’amido in zuccheri semplici e dolci. Ciò provoca un cambiamento della colorazione della buccia, ma anche della polpa interna. Sono frutti climaterici le banane, le mele, i kiwi, i fichi, le albicocche, i cocomeri, i meloni, le pesche e le prugne.

Nei frutti non climaterici, invece, ai quali appartengono le fragole e i frutti similari, il contenuto zuccherino e l’acidità non è alternato durante la maturazione, ma ne è alterato solo il colore esterno.

Leggi: Come far maturare le fragole

Mentre i primi (frutti climaterici) continuano il processo di maturazione anche una volta colti dalla pianta, i secondi (non climaterici) arrestano il proprio processo di maturazione una volta staccati dall’albero.

Le pesche appartengono alla categoria dei frutti climaterici in quanto proseguono la loro maturazione anche dopo essere stati raccolti dalla pianta.

Conosciamo però meglio il frutto per capire come far maturare le pesche.

Pesche: caratteristiche

Le pesche sono frutti gustosi, freschi e succosi che maturano in natura nella stagione calda.

Non si tratta solo di un frutto ricco di varietà (pesca bianca, gialla, pesca noce e tabacchiera), ma anche ricchissimo di proprietà nutrienti.

Le pesche, infatti, contengono:

  • carotenoidi (betacarotene)
  • antiossidanti
  • vitamina A e C
  • sali minerali (potassio e ferro)

E sono importantissime per la salute dell’organismo, in quanto:

  • sono diuretiche
  • hanno proprietà depurative
  • regolano il battito cardiaco e la pressione sanguigna
  • proteggono pelle e organi dall’azione dei radicali liberi
  • controllano i livelli di colesterolo e la regolarità intestinale
  • combattono l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari
  • proteggono le cellule del corpo e degli organi
  • aiutano l’organismo a eliminare liquidi e tossine in eccesso

Pesche: quando sono mature

Le pesche, in ogni varietà, raggiungono maturazione quando assumono le caratteristiche estetiche che tutti conoscono.

Inoltre, sono prontamente mature quando emanano un piacevole profumo e sono morbide.

Quando sono mature le pesche, normalmente, cadono dalla pianta, tuttavia ciò può avvenire anche in situazioni di maltempo e per incidenza di eventi esterni.

In questo caso, può accedere che le pesche giungano sui banchi di frutta e verdura non ancora mature e che quando si acquistano siano ancora acerbe.

Pesche: come farle maturare

Le pesche sono frutti climaterici che proseguono il loro processo di maturazione anche dopo essere state colte dall’albero.

Sostanzialmente esistono due metodi casalinghi che aiutano a velocizzarne la maturazione. Scopriamoli.

Sacchetto di carta

I comunissimi sacchetti in cui viene confezionato il pane sono perfetti anche per la maturazione delle pesche.

Da sole o con l’aggiunta di banane, le pesche chiuse nel sacchetto asciutto e pulito maturano più velocemente. Durante la maturazione, infatti, emanano l’etilene che, rimanendo nel sacchetto, permette di velocizzare l’intero processo.

Dopo circa 24h è possibile verificare la maturazione delle pesche. Se queste emanano profumo e diventano morbide, allora sono mature, in caso contrario devono rimanere nel sacchetto ancora 12-24h.

Panno di lino o cotone

Un’alternativa al sacchetto di carta è l’uso del panno di lino o cotone. Adagiando le pesche sul panno di lino o di cotone, disponendole in maniera equidistante con il picciolo verso il basso, senza che le pesche si tocchino.

Coprendole interamente lasciando fuori l’aria e mantenendole all’asciutto, le pesche maturano in 2-3 giorni.

Anche in questo caso è necessario controllare la maturazione delle pesche, affinché non venga superata.

Cosa non fare

Assolutamente da evitare perché dannosi per il frutto:

  • sacchetti di plastica
  • fonti di calore
  • freddo

Pesche: altri sistemi di maturazione dei frutti climaterici

frutti climatericiTutti i frutti climaterici, che continuano la loro maturazione anche una volta raccolti dalla pianta, se raccolti o acquistati prima del tempo possono essere lasciati maturare a casa.

Ecco qualche “trucchetto” per accelerare questo processo.

Temperatura ambiente

Lasciando la frutta a una temperatura ambiente di circa 20° accelereranno il proprio processo di maturazione.

Sacchetto di plastica

Ponendo la frutta all’interno di un sacchetto di plastica, senza aggiunta di altri frutti, la stessa maturerà più rapidamente. In questo caso va però prestata particolare attenzione a non esagerare con il tempo di permanenza della frutta qui, potrebbe deteriorarsi sino a marcire.

Casco di banane

Le banane sono un frutto che aiuta gli altri a maturare. Mettendo della frutta su un casco di banane queste forzeranno la maturazione del frutto.

Tovagliolo di lino o cotone

Mettendo la frutta, ben distanziata, sopra un tovagliolo di lino o cotone disteso sul tavolo e coprendola con un secondo tovagliolo (sempre di lino o cotone), avendo cura di chiudere ogni lato, la maturazione avverrà più velocemente.

Cassetta di vimini

La frutta può essere anche posta all’interno di cassette di vimini, intervallandola con delle mele o delle pere. Coperta poi con un panno in lino, cotone o con un cartone, la frutta va mantenuta in un luogo asciutto.

Leggi anche: Come far maturare le mele cotogneCome far maturare le noci – Come far maturare le prugne

 

 

VOTA:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*